Lo psicologo nell’ambito delle relazioni familiari

 

La famiglia è il primo luogo in cui l’individuo entra in contatto con la realtà sociale ed è quello che può influire maggiormente, soprattutto nelle prime fasi della vita, sulla formazione della personalità, la costruzione dei primi legami e l’acquisizione dei ruoli sociali.

Il disagio o sofferenza del singolo influenza, ed è a sua volta influenzato, da tutti i componenti della famiglia; questa rappresenta un sistema e come tale è composto da parti che interagiscono continuamente l’una con l’altra. Le fasi di sviluppo e di crisi contribuiscono a modificare le modalità con le quali ogni singolo componente della famiglia entra in relazione con gli altri.

In questo processo di cambiamento la famiglia attiva risorse specifiche che non sempre però risultano funzionali e adatte alle circostanze. Spesso, anzi, sono deleterie e altamente disfunzionali. Le relazioni all’interno della famiglia possono a volte diventare problematiche o addirittura molto conflittuali.

Lo psicologo esperto in dinamiche familiari tenta di comprendere questi conflitti cercando di riportare il sistema familiare verso un equilibrio più funzionale per tutti i suoi membri. Lo psicologo, attraverso metodologie cliniche, permette di risolvere precocemente situazioni disfunzionali ed evitare la cronicizzazione dei problemi e, spesso, consente anche di evitare l’instaurarsi di una condizione patologica di uno o più dei suoi membri.

Condividi