Terapia Ricostruttiva Interpersonale: Alleati di crescita e Alleati di regressione

Spesso nella vita sperimentiamo momenti in cui ci sentiamo divisi a metà. Una parte di noi vorrebbe una cosa, l’altra parte vorrebbe l’opposto.

Quando siamo in crisi nel lavoro, in amore, con amici e familiari, il sentimento di scissione su cosa sia meglio fare ci accompagna per la maggior parte del tempo, o almeno fin quando non facciamo la nostra scelta.

Proprio in questi momenti è utile pensare a noi stessi attraverso due colori: il rosso ed il verde.

La psicologa americana Lorna Smith Benjamin, ci insegna, attraverso la terapia ricostruttiva interpersonale (Benjamin, L.S., 2004) che dentro di noi risiedono due “alleati” che sono strettamente connessi alle nostra storia familiare, vediamoli:

Quando tendiamo a ripetere, nella nostra vita e nelle nostre relazioni, modelli di comportamento appresi, ad imitare i nostri genitori, o a trattare noi stessi come siamo stati trattati da piccoli, ci stiamo alleando alla nostra parte rossa ovvero alla “regressione”: qui risiedono emozioni, pensieri, atteggiamenti connessi alla nostra infanzia, appresi dai nostri familiari e che sono collegati ai comportamenti che ci spingono ad agire sempre allo stesso modo compiendo sempre le stesse azioni, trovando sempre le stesse soluzioni ai problemi.

Quando, invece, andiamo in crisi e sentiamo che i nostri modi di fare e pensare non sono più utili o sufficienti a farci tornare sereni, ci stiamo alleando alla parte verde, ovvero un alleato alla “crescita”: qui risiedono comportamenti più creativi, sani, che ci spingono a crescere e ad abbandonare i vecchi schemi per trovare soluzioni nuove e più adatte a specifici contesti e problemi.

Generalmente utilizziamo la parte rossa quando tendiamo a conservare dentro noi stessi il passato e tutte quelle dinamiche interpersonali che conosciamo, che ci rassicurano perchè fanno parte di noi, ci hanno accompagnato lungo lo sviluppo della nostra personalità. L’alleato rosso ha il preciso scopo di fornirci un senso di appartenenza, ci rende simili e quindi vicini alle persone dalle quali, fin da piccoli, abbiamo cercato amore e conforto perché ci spinge a fare come loro. Ci sono poi momenti durante lo sviluppo, in cui restare aggrappato all’alleato rosso diventa disfunzionale e ci ostacola nello sviluppo della nostra identità. Per tale ragione diventa vitale riuscire a sentire e dare voce alla nostra parte verde, quella che può spaventare perché ci chiede di cambiare abbandonando la rassicurazione dei nostri vecchi atteggiamenti. L’alleato verde ci spinge, invece, ad allontanarci quanto basta da quella vicinanza emotiva verso chi, nel passato, si è preso cura di noi. Questo sarà funzionale per permettere a noi stessi di trovare la nostra autenticità, di sviluppare le nostre caratteristiche personali, senza che queste siano soffocate da quelle dinamiche interpersonali che ci hanno accompagnati lungo lo sviluppo della nostra personalità e che magari, oggi, non sono più funzionali alla nostra esistenza.

Se vi sentite così, divisi a metà, persi, confusi, non abbiate paura di cercare il vostro alleato alla crescita, la vostra parte verde. E’ presente in ognuno di noi e merita di essere ascoltata.

Buona ricerca.

Articolo a cura della Dott.ssa Laura Tullio

Condividi
Laura Tullio
tulliolaura@gmail.com


Condividi